VIVA LE SARDINE

Le sardine sono entrate in rivolta contro i predatori, viva le sardine. Perché hanno scelto il linguaggio più potente del mondo, il silenzio. Perché rinsaldano un sentimento che sembrava perduto, la fratellanza. Perché sin dal nome prescelto, quello del pesce più disprezzato delle nostre tavole, si sono profumate di umiltà. Perché sono emerse dal buio primordiale dell’oceano politico per manifestare il loro No agli squali del populismo come solo il popolo poteva farlo, quello vero. Perché sono soprattutto giovani che si rifiutano di farsi chiudere il futuro in gabbia. Non imprecano, non sfasciano vetrine, non lanciano sassi. Sono sardine inermi ma compatte. Al massimo cantano “Bella Ciao” e lo fanno da brividi, contro i brividi che ci mettono i saluti romani, gli slogan razzisti da stadio, gli insulti a Liliana Segre, i brividi di chi pretende pieni poteri per aprire e chiudere i porti come se il mare fosse un barattolo da intrappolarci dentro chiunque non la pensa come lui: una democrazia sottovetro.

Le sardine non vogliono morire in quel barattolo. Così affiorano in banchi, sempre più numerose e solidali, umili e compatte, gentili ma battagliere, prima a Bologna, poi a Modena, adesso sembra che non ci sia quasi più città che le contenga, nessuno squalo tanto grosso da papparsele in un boccone, neanche Salvini con la sua pancia piena di voti. Sì, viva le sardine senza bandiere, senza partiti, senza potere. C’è mezza Italia che sta pensando a come cucinarsele, che apre i suoi forni, accende fuochi, agita padelle. Il mare della politica italiana con i suoi media è tra i più insidiosi della terra. Ti esalta come esca, ti fa diventare di successo solo per issarti in barca. Una volta a bordo ti sferra il colpo di grazia e ti rigetta in mare, in pasto agli squali. Alla larga, ragazzi, restate come siete. E se sparirete nel lampo da cui siete venuti, avrete lo stesso compiuto il miracolo di non farci sentire soli. Ma il miracolo che vi auguro è un altro, uno dei più famosi di Gesù: la moltiplicazione dei pesci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.