FIORELLAH AKBAR

fiorella-mannoia-lucio-dalla-a-te

Aldo Grasso, sulla prima pagina del Corriere di questa domenica, critica Fiorella Mannoia accusandola di “straparlare”. Straparlare significa dire cose senza senso o a sproposito: vaneggiare. L’articoletto (come direbbe Crozza nella sua strepitosa imitazione di De Luca) si conclude con questa saccente sentenza: “Credere di parlare a nome delle vittime e dei poveri, solo perché si è vittima delle povere idee”.

Notoriamente ricchissimo d’idee, al punto da poterne fare a meno tanto da campare esclusivamente su quelle altrui, il critico televisivo del Corriere accusa la Mannoia, che pur condannando senza esitazione i terroristi, osa dubitare delle verità ufficiali sulla guerra fra l’Occidente e il Califfato.

“Di fronte agli avvenimenti drammatici che stiamo vivendo”, scrive Grasso, “meglio non cercare verità nascoste”. Ossia non basta più neanche cedere spazi di libertà individuale ai governi, lasciarsi spiare dalle intelligence di mezzo mondo, ma bisogna sapersi accontentare delle loro verità “palesi”. Tu cattivo, io buono. E chi non lo pensa così (qualunque cosa ella o egli strapensino) “straparla”. E chissà forse mette pure a repentaglio la sicurezza nazionale.
Fiorellah akbar.

Sono vecchie banalità destrorse come ”sputa nel piatto in cui mangia”, o “comunista ma col portafoglio a destra” e della frase più fatta di tutte, l’accusa di essere “un’anima bella” (sempre meglio di quelle orripilanti, dico io). Mancava l’etichetta di “radical chic”. Invece no, c’è pure questa, nel titolo: “Il copione usurato della cantante radical” (lo chic, ormai, è dato per acquisito).
A me sembra semplicemente che Fiorella sia un’artista di cui andare fieri, più che straparla stracanta (e i guerrafondai spaparanzati davanti alla tv l’hanno accusata perfino di stonare). Ha una vera, forte passione civile e il candore di esprimere le sue opinioni in pubblico, anche quando le converrebbe tacere. In più è una donna e sa difendersi benissimo da sola.
Ma ha anche qualcosa che fa morire d’invidia chi non ce l’ha: un grande pubblico che la sta a sentire

Un commento su “FIORELLAH AKBAR”

  1. Jack Folla diceva… e dice ancora:
    “(…)Ma i mediocri girano liberi.
    I mediocri hanno invaso le strade, occupato tutto.
    Politica, televisioni, giornali: tutto.
    I mediocri girano liberi.
    Ci hanno imposto che cosa comprare, cosa è bello e cosa è brutto.
    I film da vedere, le canzoni da ascoltare, quando ridere e quando piangere (…)”
    Ma NESSUNO può sfrattare dalle stelle ciascuno di noi e, dunque, neanche Fiorella!
    Hasta siempre Diego-Jack-Mente!
    Tonio M.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.