SARDINIPITÀ (Sardinipity)

Che cos’è la serendipità (serendipity)? La capacità di fare inattese e felici scoperte per caso, mentre si stava cercando altro. L’America da parte di Cristoforo Colombo che cercava le Indie. Il viagra scoperto casualmente dalla compagnia farmaceutica Pfizer mentre cercava un farmaco per curare l’angina pectoris. Il ghiacciolo a opera di Epperson, che si dimenticò, in una gelida notte d’inverno, un bicchiere di soda con la paletta dentro. E inventò uno sgargiante gelato col bastoncino per l’estate.

Tutto questo mi suggerisce di coniare una nuova parola colorata, Sardinipità (Sardinipity), per spiegare il sentimento che unisce milioni di persone che non si conoscono a manifestare, silenziose e compatte come sardine, il loro dissenso dalla politica dell’odio e della stupidità istituzionalizzata (stupidity).

A cosa ci ha portato in Italia questa stupidità violenta? A un’indigestione di infamità. Se le ribatti colpo su colpo il rischio è di sprofondare nello stesso baratro: Noi contro Loro. Ma la fratellanza si rifiuta di farsi inscatolare in questo stupido schema. Sa che è un vecchio e sporco gioco. Quello che amo delle sardine è proprio questo, il silenzio compatto, al netto dell’antirazzismo e antifascismo che ci hanno costretto a sventolare come un passaporto. Perché chiedergli ora un progetto politico? Che altro vuoi aggiungere quando scendi in piazza per manifestare il tuo dissenso che non ha più parole? È un silenzio da battaglia civile e non violenta, che se perseguito da un numero sempre crescente di italiani, non è impossibile potrà essere paragonato un giorno alla Marcia del Sale, quando milioni di indiani manifestarono silenziosamente con Gandhi contro le tasse inique imposte dagli inglesi. Dite che è esagerato? Anche Gandhi lo presero per matto. Però gli inglesi furono costretti a sloggiare dall’India.

“Serendipità -Quando l’amore è magia- (Serendipity)” era anche un film che raccontava come un ragazzo e una ragazza, incontratisi casualmente una volta sola e innamorati al primo colpo, si perdessero del tutto di vista, essendo destinati ad altre vite e matrimoni, ma senza aver mai smesso di pensare l’uno all’altra, fino a ricombaciare faccia a faccia nello stesso punto di partenza, sposarsi e ritrovare il senso della vita. Due ragazzi che sembrano dirci: se il fato lo creiamo noi anche quando tutto ci è avverso, possiamo far collassare il destino previsto nelle stelle. Serendipità è questo cosmico infarto d’amore che, invece di provocare la morte, ti conferisce l’eternità.

Sardinipity, in politica, è la determinazione ad affrontare il mare aperto, quando il vento della storia soffia in direzione contraria ai nostri valori, per ritrovarsi sulle rive sconosciute di un altro mondo del tutto diverso da quello che si era solo vagamente sognato. Questo è l’incanto di Sardinipità -quando la politica è anche magia-.

Un commento su “SARDINIPITÀ (Sardinipity)”

  1. Dio ti benedica 🙂
    Addirittura due post in un giorno!
    Se continui così finisce che turberai l’universo :-))
    Speriamo che il tuo ritorno porti ad un cambiamento nel 2020 diverso da quello che auspicano/paventano quasi tutti i media!
    Tieni duro
    Ciao
    Paola e Andrea

Rispondi a Andrea e Paola Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.