SE UNA NOTTE D’INVERNO ER LIBBANESE FA RITORNARE PIÙ GIOVANE JACK FOLLA

Ho un amico attore di cui vado fiero, lo conoscerete tutti, si chiama Francesco Montanari. È stato il libanese di Romanzo Criminale ma anche il suo contrario, il magistrato de Il Cacciatore. Tempo fa, a cena, mi raccontava che ascoltava Jack Folla da ragazzino, in macchina con i suoi genitori non se ne perdevano una puntata. Gli ho detto che mi sarebbe piaciuto lanciare un Jack Folla giovane. «Magari, ma quella voce era imbattibile, e poi per recitare io ho bisogno dei gesti, del corpo, alla radio mi sentirei nudo». Certo, la voce di Roberto Pedicini era ineguagliabile, così come lo era Sean Connery per 007. Poi però 007 l’hanno interpretato tanti altri, che vuol dire? Ho sempre creduto che Jack Folla potessero farlo tutti, anche una bambina di 11 anni, perché lui era la nostra voce del cuore. Così ho scritto un paio di testi e siamo andati nello studio di un altro grande amico, il maestro Luciano Francisci, l’autore delle musiche originali di Alcatraz e del Mercante di Fiori. Non è stata che una prova, ma molto emozionante. Amo la radio come amavo mio padre. Ed è stato bello giocare a rifare Alcatraz con un giovane attore che potrebbe essere mio figlio.

 

Un commento su “SE UNA NOTTE D’INVERNO ER LIBBANESE FA RITORNARE PIÙ GIOVANE JACK FOLLA”

  1. ….il mercante di fiori, lo ascoltavo anche io nei miei viaggi lunghissimi in italia, sarebbe bello questo progetto, anche io ascoltavo la radio di babbo nella sua Alfa Romeo 1300 fino a scaricare la batteria, allora 1970 ascoltavo la corrida, amo anche io la radio, Lei mi ha fatto compagnia tantissimo con i suoi programmi, anche io amo mio padre, grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.